Lungo La Gta Dall

a cura di Benedetta Corneo

Percorsi consigliati

Alpi, Appennini, vette ed altipiani: in Italia ci sono montagne per tutti i gusti. Sempre più turisti scelgono mete montane per ammirare le cime che si ergono al cielo, gli immensi prati, gli ombrosi boschi di conifere, i colori tersi dell’alta quota, gli odori della natura incontaminata, il suono dell’acqua che scorre con vorticosa allegria.

Le Alte Vie permettono di godere tutto questo per più giorni, senza mai incrociare automobili o insediamenti cittadini. Sono infatti sentieri che si snodano per lunghe percorrenze divisi in tappe, per permettere all’escursionista di pernottare nei rifugi in quota, senza dover scendere a valle. Ogni tappa, generalmente, prevede 4-8 ore di cammino, di minore o maggiore difficoltà. Dunque l’Alta Via è consigliabile a chi ha un certo allenamento, senza tralasciare il fatto che alcuni percorsi sono più impegnativi e destinati agli esperti, mentre ce ne sono molti altri, che per difficoltà e sforzo fisico richiesto, sono un po’ alla portata di tutti. Nei rifugi si incontrano sempre più comitive di giovani alle prime armi ed anche intraprendenti gruppi familiari.

Gli escursionisti in erba possono iniziare con Alte Vie prive di difficoltà, come per esempio la GTA dall’Argentera al Monviso, la via dei Monti Lariani ed i numerosi percorsi appenninici (questi ultimi in particolare sono privi di grandi difficoltà tecniche, ma presentano qualche problema di orientamento. E’ indispensabile munirsi di bussola e carte dettagliate). Gli appassionati possono invece cimentarsi con le Alta Vie della Valle d’Aosta, delle Dolomiti e della Val Malenco. Qui vi sono tratti più facili, ma anche tappe lunghe e faticose e qualche strada ferrata, dove è indispensabile l’utilizzo di imbracature. Coloro che amano l’avventura, possono decidere di inoltrarsi nelle zone impervie della Barbagia (Sardegna) o lungo gli assolati sentieri dei Monti di Sicilia.

La scelta, inoltre, si basa sulle personali predilezioni dei turisti: c’è chi ama i verdi pascoli e le cime innevate, chi predilige montagne impervie e selvagge e chi ama i rilievi di modesta altitudine. A voi decidere!

You may also like