Vacanze In Emilia Romagna

a cura di Laura Sommariva

La Riviera Romagnola è sicuramente il posto ideale per le vostre vacanze se siete giovani, con pochi soldi in tasca, ma con molta voglia di divertirvi.

Rimini, Riccione, Cesenatico e le altre località della costa, offrono tantissime opportunità di alloggio a prezzi convenienti in pensioni a conduzione famigliare: i piccoli alberghi sono così numerosi, che non avrete problemi a trovare una sistemazione adatta alle vostre esigenze, anche a Ferragosto!

Ma questa non è certamente l’unica attrattiva della Riviera. Qui la vita è veramente intensa, non troverete il tempo per annoiarvi: discoteche fantastiche, locali eccentrici che non hanno nulla da invidiare a quelli di Ibiza, spiagge lunghissime ed attrezzate per ogni sport, paragonate da alcuni a quelle della “mitica” California. Tutto questo in una delle regioni tradizionalmente più ospitali d’Italia, dove la buona cucina ed il Sangiovese ristorano lo spirito e riscaldano il cuore.

Molti pensano che la Riviera Romagnola sia adatta solo ad un turismo di massa, poco esigente,alla ricerca unicamente della vacanza “tutto compreso” a prezzo conveniente. In realtà, questa terra ha tanto da offrire: l’organizzazione turistica è molto professionale, attenta alle esigenze degli ospiti, che possono usufruire di strutture introvabili in altre zone d’Italia.

Inoltre, anche l’interesse culturale di questi luoghi, spesso ignorato, è rilevante: scoprirete monumenti importanti a Rimini, numerose iniziative stimolanti (come il Mistfest, o il Festival del Cinema Indipendente) e non bisogna dimenticare la possibilità di una gita alla splendida Ravenna, che dista solo pochi chilometri.

Insomma, certamente chi sceglierà per le sue vacanze una delle famose località balneari della Romagna trascorrerà un’estate molto divertente, vi troverà tutto: sole, mare, “dolce vita”…..l’unica cosa veramente introvabile da queste parti è una spiaggia deserta!!!!!

Le immagini pubblicate sono dell’Azienda Promozione Turistica Emilia Romagna©…

Lisbona Dopo L’expo 98

L’Ultima Esposizione del XX secolo, l’EXPO 98 ha basato la realizzazione delle strutture, destinate ad accogliere oltre 8 milioni di persone, su una strategia di mediazione tra gli impianti effimeri – legati al breve periodo dell’evento e che hanno come obiettivo quello di sostenere l’impatto della moltitudine di visitatori – e quelli più duraturi voluti dalle politiche urbane di Jorge Sampaio, ex sindaco di Lisbona e attuale presidente della Repubblica portoghese.

Fin dall’inizio, in base all’analisi dell’esperienza della vicina Siviglia, i progetti dell’EXPO 98 della capitale lusitana hanno previsto la possibilità di una riconversione di alcuni padiglioni o la loro rapida sostituzione identificando una zona strategica di riqualificazione dell’area metropolitana.

Il Centro Commerciale “Vasco da Gama” con 217 negozi e due torri residenziali, l’ospedale “Das Descobertas” con 135 posti letto, la sede degli uffici Telecom, Imocom e Ford, due hotel, due residenze universitarie costituiranno gli investimenti privati più importanti dell’area situata nel Dock de Olivais.

E’ stato raggiunto lo scopo di riqualificare, con capitali privati, una zona industriale dismessa e degradata a ridosso delle principali nuove infrastrutture: l’aeroporto; il ponte “Vasco da Gama” sul fiume Tago lungo 17 km e con sei corsie stradali; la nuova grande Stazione Intermodale “Estaçao de Oriente” che collegherà le linee ferroviarie interne e urbane con le linee internazionali verso la Spagna (si prevede che dopo l’EXPO assorbirà ogni giorno 200 mila passeggeri); la terza linea della metropolitana “Olivais”, lunga 5,5 km, che congiungerà l’Estaçao de Oriente con Alameda. Si è spostato così l’asse dello sviluppo verso oriente nell’area dell’antico porto industriale. L’ex bacino degli idrovolanti, al centro delle manifestazioni dell’EXPO, diventerà uno spazio ludico su cui graviteranno tutti i padiglioni che saranno trasformati in musei e sale espositive.

L’acquario diventerà, dopo l’esposizione, uno spazio museologico dedicato agli oceani e un centro di ricerca di …

996-1996, L’austria Compie Mille Anni

Monastero di Kremsmünster

Edificato nel 777, il monastero di Kremsmünster è il secondo d’Austria in termini di antichità e conserva ancora alcune parti nell’originario stile romanico. Da visitare sono la tomba di Gunther, figlio del duca Tassilo (fondatore del monastero) e figura leggendaria, l’immenso museo monastico e la stanza dei tesori con il “calice di Tassilo” creato prima del 777, la sala imperiale con i ritratti degli imperatori e la biblioteca barocca.

Monastero di St. Florian

Secondo monastero barocco d’Austria in ordine di grandezza, il St. Florian venne ceduto nel 1071 ai canonici augustiniani, per essere completamente ristrutturato in epoca barocca. Il convento vanta una suggestiva chiesa, il sepolcro di Anton Bruckner e l’organo sul quale il compositore amava suonare.

Linz an der Donau

Il centro storico di Linz risale ai tempi in cui la città era sede del principe feudatario. Degni di nota sono il castello, una costruzione iniziata dall’imperatore Federico III attorno al 1480, con il museo, la piazza centrale con i palazzi e i monumenti barocchi (fra cui la colonna della peste) e la chiesa di San Martino, uno degli edifici sacri antichi meglio conservati d’Austria, nonostante vi si celebri la messa fin dal 790.

Gmunden

Antica città sulle sponde del lago Traun, amministrata da Federico III e da Massimiliano I, Gmunden fu denominata “porto del sale” e cuore commerciale del Salzkammergut asburgico. Il Kammerhof, il palazzo principale della regione, il castello Cumberland, la “Villa Toscana” e la rocca sull’acqua di Orth entusiasmano i visitatori.

Bad Ischl

Importante centro della regione del Salzkammergut, Bad Ischl fu dal 1563 miniera di salgemma e solo a partire dal 1822 divenne rinomata località di villeggiatura e di bagni curativi in acque salse o in salamoia, apprezzata addirittura dall’imperatore Francesco Giuseppe I. Interessanti a Bad Ischl sono le visite alla villa …

Maldive Una Meta Mai Fuori Moda

di Mark Perna

Benvenuti in paradiso! Uno slogan che ben si adatta all’ambiente naturale di uno dei posti più incantevoli della terra: le Maldive. Le Maldive sono un arcipelago di venti atolli e complessivamente 1087 isole, di cui solo 220 sono abitate. In un mare dove l’acqua si colora di suggestive sfumature di azzurro, e la sua trasparenza lascia intuire un paesaggio subacqueo che ha pochi rivali, la natura sembra risplendere di una luce lontana dal mondo moderno. Non è solo il fascino esotico di questa terra, ma anche l’atmosfera sospesa tra lo stupore e il senso d’evasione che rendono le Maldive una meta ambita da qualsiasi tipo di turista. Almeno una volta nella vita bisognerebbe visitare questa perla dell’Oceano Indiano, lasciarsi cullare dal caldo sole che imbrunisce la pelle o temperarsi all’ombra di una palma, sorseggiando una bevanda a base di cocco.

Tra una vertigine di pesci tropicali colorati, nei riflessi di un mare rassicurante, tra il verde della vegetazione che contrasta la bianca arena delle spiagge, la poesia di un paesaggio incontaminato è a disposizione di ognuno di noi, basta prendere un aereo per Malé, la capitale delle Maldive e in poco più di dieci ore tornerà il buon umore.

La temperatura sempre estiva, variabile tra i 26° e i 32° C, a volte piacevolmente mitigata da brezze marine, garantisce un soggiorno al sole praticamente tutto l’anno. Non c’è infatti una grande differenza tra le due stagioni, quella secca da dicembre ad aprile e quella umida, con qualche precipitazione, tra maggio e novembre.

Tra i molti Tour Operator che hanno come destinazione le Maldive, vi proponiamo qui una nuova offerta dei Viaggi del Ventaglio. E’ stato infatti inaugurato da poco (marzo ’96), il Club Rannalhi, situato nell’Atollo di Male Sud, a circa 39 Km dalla capitale. Raggiungibile dall’aeroporto …

Prenotazione Degli Aerei

Prenotazione aerei

Una volta che si sono eseguite le operazioni generali, ed essendo in possesso del tuo login ID/Name e della tua password, potrai accedere al servizio di prenotazione dei voli aerei.

1° passo: Ti verranno richiesti alcuni dati fondamentali quali: il numero totale di passeggeri, le prime tre compagnie con cui desideri volare (opzionale), alcune preferenze in ordine di priorità e selezionare la tipologia di prezzo che si desidera ricevere. Dopo aver inserito questi dati preliminari è necessario indicare la località di partenza, quella di destinazione, la data di partenza e l’orario per il numero di segmenti necessari a completare il viaggio richiesto. Inviare i dati cliccando sul pulsante di riferimento.

2° passo: Una volta evidenziati i tre itinerari con le varie variabili di volo è necessario selezionare l’offerta che si desidera prenotare cliccando sul link del volo scelto.

3° passo: Ora puoi decidere se acquistare subito il biglietto o aspettare di concludere il tuo programma di viaggio e tenere attiva la prenotazione per 24 ore.

4° passo: Scegliere l’agenzia che desideri emetta il biglietto.

5° passo: Una volta deciso di acquistare subito è necessario inserire il codice dell’agenzia segnato precedentemente nell’apposito spazio e inviare i dati.

6° passo: Scegliere se utilizzare i dati del proprio profilo, precedentemente registrati o meno.

7° passo: Inserire i dati della propria carta di credito.

8° passo: Aggiungere la prenotazione anche di una macchina a noleggio e di un albergo (opzionale).

9° passo: Controllare la prenotazione e inviarla.

N.B. Salva una copia della tua prenotazione

Ci raccomandiamo di stampare sempre una copia della tua prenotazione. Se dovessi essere di fretta spedisci la pagina con il dettaglio del tuo itinerario alla tua stampante o aspetta la risposta automatica che ti dovrebbe pervenire dopo alcune ore dalla tua prenotazione online.

Copyright (c) 1997 Travel Online …

Località Sassari

SASSARI

Seconda città della Sardegna, conserva un nucleo vecchio, con qualche reminiscenza del periodo spagnolo, a vie strette e irregolari, entro il quale si trova il monumento più notevole e caratteristico, il Duomo, assai pittoresco nella sua struttura dovuta a epoche diverse (XIII-XVIII secolo). Nel bell’interno è custodita la Madonna del Bosco, di pittore senese del XIV secolo.

Nei dintorni della città, si segnalano alcuni monumenti di particolare interesse: la SS.Trinità di Saccargia, uno dei più rilevanti esempi dell’architettura romanico-pisana dell’isola (XII secolo), e, nei pressi di Borutta, San Pietro di Sorres eretta in forme romanico-pisane nel XIII secolo. Vicino a Torralba si trova il nuraghe di Santu Antine, il monumento nuragico più significativo della Sardegna e una delle architetture megalitiche a torre più interessanti del Mediterraneo. È formato da una massiccia torre centrale a tre piani di regolari coni di basalto (XI secolo). A questa si affiancano altre tre torri minori, collegate da una serie di caminetti e corridoi.

VINI

Vitigni raccomandati Uve bianche: Arvesiniadu, Malvasia bianca di Candia, Malvasia di Sardegna, Moscato bianco, Nasco, Nuragus, Retagliado bianco, Tocai friulano, Torbato, Trebbiano toscano, Vermentino, Vernaccia di San Gimignano. Uve nere: Barbera, Bovale grande, Bovale sardo, Cagniulari, Cannonau, Caricagiola, Carignano, Girò, Monica, Pascale di Cagliari, Sangiovese. Vitigni autorizzati Uve bianche: Biancolella, Clairette, Falanghina, Forastera, Garganega, Pinot Bianco, Riesling italico, Riesling renano, Sauvignon, Traminer aromatico, Vernaccia di Oristano. Uve grigie: Pinot grigio. Uve nere: Aglianico, Aleatico, Ancellotta, Barbera sarda, Bombino nero, Cabernet franc, Cabernet Sauvignon, Dolcetto, Malvasia nera, Merlot, Montepulciano, Nebbiolo, Pinot nero.

GASTRONOMIA

Nei ristoranti di Sassari si può trovare un po’ tutta la cucina sarda, senza specialità particolari.…

Crociera D’autunno

di Mark Perna

Terminata l’estate è tempo di ricominciare la solita vita quotidiana, nulla di grave, ma chi non sogna di ripartire e lasciarsi alle spalle lo stress e la fatica? Solo pochi fortunati possono girare il mondo senza date né impegni, mentre alla gente normale, me compreso, non resta che sognare.

Se l’introduzione qui sopra vi è parsa un filo pessimistica ecco una proposta che potrebbe rallegrare anche il più assiduo stacanovista: una crociera d’autunno!

Quando il colore delle foglie giunge alla sua bruna metamorfosi, e il grigio dell’inverno inizia a fare le prove, male non sarebbe abbandonare tutto per qualche giorno e fare il pieno di sole ed energia.

Tra le molte iniziative che consentirebbero di raggiungere tale obiettivo, una crociera nel Mediterraneo potrebbe rilevarsi una scelta davvero indovinata!

Costa Crociere propone per l’occasione un calendario di mete suggestive e interessanti, occasioni singolari per conoscere e capire arte, natura, e cultura di paesi a noi vicini ma ancora in buona misura sconosciuti.

Settembre e ottobre sono poi i mesi ideali per viaggiare, lontani dalla moltitudine ma ancora beneficiati di un caldo sole e un mare invitante, colori ed atmosfere sublimate dalla quiete di acque tranquille e pulite argentate dal tramonto. La nave si rivela quindi il mezzo di trasporto più indicato per realizzare questo sogno di evasione. Tra le località raggiunte dalle crociere della Costa, vogliamo segnalarvi una splendida Provenza ben accompagnata dalle Baleari in versione madrugada e da una Tunisia in piena sicurezza. E per chi ama la calda Europa latina, Spagna e Portogallo sono assolutamente all’altezza della situazione, dispensando emozioni indimenticabile nel pieno del comfort, tutte le cabine della Costa Allegra , sono dotate infatti di servizi privati, aria condizionata, telefono, filodiffusione e televisione via satellite. Quote per una crociera di 7 giorni a partire da …

Spagnolo

Ecco il luogo migliore dove conciliare la voglia di vacanza, di sole e di divertimento con lo studio di una delle lingue più parlate al mondo. Infatti oltre alle meraviglie che questo paese ci può offrire, ciò che più affascina i giovani è quell’accoglienza e quella cordialità tipiche degli spagnoli e quel clima di vita godereccia e di festa che si respira un po’ ovunque. E’ una terra di contrasti, dove le più antiche tradizioni convivono con gli aspetti estremi della civiltà moderna, in cui appena fuori dalle grandi città, tutto sembra rimasto immobile, ancorato al passato.

La Spagna è un posto tutto da scoprire, dai mille volti e sfaccettature, per le incredibili diversità che caratterizzano ogni suo paesaggio e, sicuramente, un soggiorno di qualche settimana, può essere un’esperienza davvero indimenticabile. Se siete amanti dell’arte e dell’architettura particolare, Barcellona è quello che fa per voi.

E’ la città di Mirò, Picasso, Gaudì; una città dai mille colori, dove nelle “ramblas”, i lunghi viali che arrivano fino al mare, è un incessante brulichio di attività e di gente che s’incrocia, passeggia, chiacchiera, si ferma nei bar, per un bicchiere di cava ed un assaggio di tortilla.

Siamo nel capoluogo della Spagna catalana, ma nelle scuole e nelle famiglie si parla e si apprende il castigliano. Se invece preferite immergervi in un clima ancor più mondano ed un po’ meno cittadino, per imparare altrettanto bene lo spagnolo, potreste fermarvi a Malaga. Rinomata per il suo piacevolissimo clima mediterraneo e per la sfolgorante bellezza dei colori, dei fiori e della vegetazione ,costituisce il fulcro della vita e del divertimento su tutta la riviera della Costa del Sol. Inoltre Malaga può essere il punto di partenza per gite meravigliose nell’interno dell’Andalusia tra le insenature profonde dei suoi altipiani, fino ai “Pueblos Blancos”, piccoli villaggi …

Turchia E Natura: La Ricetta Dell’estate

di Mark Perna

La Turchia è un paese da sempre affascinante che storicamente unisce le bellezze dell’oriente alle emozioni dell’occidente. Questo paese è stato non a caso definito la culla della civiltà e il suo ricco patrimonio culturale è il risultato del passaggio di diverse popolazioni dagli Hatti e gli Ittiti, ai Frigi, gli Urartici, i Licii, i Lidii, gli Ioni, i Persiani, i Macedoni, i Romani, i Bizantini, i Selgiuchidi e infine gli Ottomani. Tra i primati della Turchia va ricordato che la prima città della storia del mondo è sorta qui; si tratta di Çatalhöyük, insediamento neolitico risalente al 6.500 a.C. Da allora fino a oggi, la Turchia può vantare una cultura che attraverso i secoli ha sensibilmente contribuito allo sviluppo della civiltà moderna. I lasciti delle popolazioni che hanno in un qualche modo influito su questo paese, fanno della Turchia un vero e proprio paradiso storico e di ricchezza culturale.

Ma la Turchia è un paese sorprendente anche sotto il profilo naturalistico e ambientale nascondendo nel suo vasto territorio luoghi incantevoli e magiche visioni disponibili ad un pubblico curioso e avventuriero. Per chi ama la natura e desidera averne un contatto diretto, può approfittare di una interessante proposta messa offerta nel nuovo catalogo Viaggi nella Natura, Speciale Turchia, di Rotamundo. Si tratta di un’escursione da Istanbul di due giorni che prevede la visita del parco Kuscenneti e della città di Bursa. Il Parco del Kuscenneti, che significa paradiso degli uccelli, non solo è il parco più importante della Turchia sotto il profilo faunistico, ma è anche uno dei luoghi più interessanti dove praticare il birdwatching. In questo parco che si espande su una superficie di 69 ettari sono presenti ogni anno oltre 3 milioni di uccelli di ben 239 specie. Lo scenario si va arricchendo con 22 …

Località Siracusa

SIRACUSA

Sulla terraferma, nell’antico quartiere greco della Neapoli, ora Parco Archeologico della Neapoli, si trovano i principali resti archeologici. Tra questi, di particolare interesse è il Teatro Greco (V secolo a.C., ma adattato in epoca romana), massimo monumento del genere giunto a noi dall’antichità greca, opera dell’architetto Damocopos e scavato quasi interamente nella roccia. Ai margini meridionali della zona si trovano le Latomie, grandi cave di pietra che fornirono il materiale per la costruzione dei monumenti, trasformate oggi in giardini. La più famosa è quella del Paradiso, nella quale si apre l’orecchio di Dioniso, grotta artificiale celebre per la sua straordinaria proprietà di amplificare i suoni. Le opere arcaiche in scultura (fra cui il Kouros) e altri documenti provenienti dagli scavi sono custoditi nel Museo Regionale, uno dei più importanti in Italia per le ricche collezioni di materiale preistorico, greco, romano e paleocristiano proveniente da tutta la Sicilia. Nei dintorni della città sorge il Castello Eurialo (402-397a.C.), costruito a difesa contro i Cartaginesi, la più bella e completa opera militare dell’epoca greca. Oggi consta di due parti: il maschio, la fortezza quadrangolare ricostruita in età bizantina a difesa della minaccia araba, e il recinto orientale, di forma irregolare.

Famosa città della costa orientale, situata sopra un isolotto (Ortigia) e sull’adiacente costa. Fondata nel 734 a.C., fu la più potente colonia della Magna Grecia fino alla sua conquista da parte dei Romani nel 212 a.C. Attualmente è un centro archeologico di straordinaria importanza per la conoscenza della antica civiltà ellenica. Sull’isola di Ortigia sorge il Duomo, edificio eretto nel VI secolo adattando e trasformando l’antico tempio dorico di Athena e a cui venne aggiunta da A. Palme la facciata barocca nel 1728-54. L’interno basilicale, a tre nevate, fu ottenuto chiudendo gli spazi tra le colonne dell’antico tempio.

VINI

Vitigni raccomandati Uve …

Isole Greche Tutte Da Scoprire

di Sarah Tremonti

Vi segnaliamo una proposta interessante per le vostre vacanze estive in Grecia. Per tutti gli appassionati di mare e barche a vela, la Sce’ Sce’ mette a disposizione un calendario di crociere nel Mar Ionio alla scoperta delle isole migliori: Corfù, Zante e Cefalonia. Queste tre isole saranno il teatro di una vacanza all’insegna del divertimento e del bel mare.

In questa zona della Grecia, particolarmente affollata in luglio e agosto, scegliere di fare una crociera potrebbe rivelarsi una scelta più che indovinata. Non solo avrete la possibilità di provare le brezza di navigare sospinti dalla forza del vento, ma anche, e soprattutto di scegliere in compagnia dello skipper l’itinerario che meglio si addice alla vostra curiosità.

Corfù è ormai considerata la capitale del divertimento del Mar Ionio, non fosse altro che d’estate è praticamente una colonia italiana. La zona migliore è quella della costa ovest, qui infatti si trovano le spiagge migliori. Le tipiche case basse e i palazzi veneziane che adornano le stradine strette dell’isola, sono lo scenario ideale per trascorrere una serata in allegria. Se decidete di girare per Corfù usate il motorino, la macchina potrebbe rivelarsi un suicidio.

Cefalonia e la vicinissima Itaca sono due isole incantevoli, la prima sospesa tra il verde della natura e un mare che dispensa un calendoscopio di colori eccezionali, la seconda luogo principe della mitologia greca dove Ulisse partì per il suo lungo viaggio. Le spiagge più belle di Cefalonia sono sicuramente Myrtos Beach e Antisamos, e per chi ama la sabbia Lassi e tutta la costa sud non tradiscono neppure le aspettative più ricercate.

L’isola di Zacinto, conosciuta anche con il nome di Zante, è l’isola ionica più meridionale ed è famosa per il suo mare mite (con temperature che possono raggiungere i 26 gradi) e …

Località Brescia

BRESCIA

Importante e attiva città ai piedi delle Prealpi; fiorente già in epoca romana, divenne prima ducato longobardo e poi libero Comune nel Medioevo, infine passò sotto Venezia tra il 1426 e il 1797 e fu il centro di una gloriosa scuola di pittura. La Pinacoteca Tosio Martinengo, situata nel cinquecentesco palazzo Martinengo, è una collezione molto importante per la conoscenza della pittura bresciana del Rinascimento. Di particolare interesse: Vincenzo Foppa (Madonna e Santi), Raffaello (Cristo benedicente) e cinque tele, tutte raffiguranti l’Adorazione del Bambino, di Lorenzo Lotto, Moretto, Romanino, Gian Girolamo Savoldo, Callisto Piazza. Fra i ben conservati monumenti del passato spicca in particolare la piazza della Loggia che, cinta in gran parte da edifici di carattere veneto, forma un vasto e armonioso complesso architettonico, dominato dalla Loggia, l’antico palazzo del Comune eretto in forme del Rinascimento veneto-lombardo (1492-1574).

VINI

Vitigni raccomandati Uve bianche: Pinot bianco, Riesling italico, Riesling renano, Tocai friulano, Trebbiano di Soave, Trebbiano toscano. Uve grigie: Pinot grigio. Uve nere: Barbera, Cabernet franc, Cabernet Sauvignon, Corvina veronese, Croatina, Incrocio Terzi n°1, Groppello di Mocasina, Groppello di Santo Stefano, Groppello gentile, Marzemino, Merlot, Montepulciano, Nebbiolo, Pinot nero, Sangiovese, Schiava gentile, Schiava grigia. Vitigni autorizzati Uve bianche: Chardonnay, Garganega, Invernenga. Uve nere: Schiava grossa. Vini Botticino; Capriano del Colle Rosso; Capriano del Colle Trebbiano; Cellatica; Franciacorta Pinot; Franciacorta Pinot Spumante; Franciacorta Rosso.

GASTRONOMIA

La vicinanza dal lago di Garda contribuisce ad arricchire la tradizione bresciana di prodotti alimentari e di piatti non solo montani. Fra i piatti più caratteristici vanno ricordati: riso alla pitocca, detto anche minestra sporca, brofadei, gnocarei e mariconde (altri tipi di minestre), polenta pasticciata, polenta e uccelli, frittata di rane, anguilla ai ferri, oca ai ferri, verzata.…

Ecuador “La Mejor Mitad Del Mundo…”

di Marco Aurelio

Un paese sorprendente l’Ecuador, un piccolo stato dell’America Latina con eccezionale varietà etnica, geografica e culturale. La ricchezza del suo territorio, la presenza di diverse aree climatiche, una vegetazione che va dalla giungla subtropicale alle vette andine, dalla costa del Pacifico, alle colline della zona centrale, rendono l’Ecuador una meta turistica dalle grandi potenzialità.

Nei meandri della nazione, tra i colori amazzonici e insulari, i rilievi andini e le spiagge costiere, una straordinaria popolazione si fonde in incredibili incroci e tradizioni. Tantissimi sono infatti i gruppi etnici che abitano i ristretti spazi dell’Ecuador, come gli Otavalo, i Salasacas e i Saraguros che risiedono prevalentemente nella zona montuosa, o i curiosi Chachis e i Tsachilas della zona costiera, o anche i Shuar, gli Achuar o i Secoyas, solo per citare alcune delle popolazioni che si trovano nell’Amazzonia.

Una popolazione così variegata è forse la risposta più adeguata ad un territorio che in quanto a diversità nulla ha da invidiare a nazioni più estese. Per la sua flora e fauna infatti, l’Ecuador è probabilmente il paese biologicamente più vario del mondo. In un’area che copre appena lo 0,2 della superficie della terra si possono incontrare ecosistemi talmente distanti l’uno dall’altro che il turista può osservare l’incanto delle foreste pluviali e i vulcani ricoperti da neve, paramos montagnosi e selve di mangrovie, litorali arricchiti da correnti d’acqua fredda e calda e laghi glaciali dai magici riflessi. La natura sembra aver privilegiato l’Ecuador come habitat delle sue creature, non a caso in questo paese si trovano ben 25.000 specie di piante, più di quante non ce ne siano in tutto il Nord America (17.000), oltre a 3.800 specie di vertebrati, 1.550 specie di di uccelli, 320 sepecie di mammiferi, 350 specie di rettili, 375 di anfibi, 800 specie di pesci d’acqua …

Jet Lag, No Grazie!

di Mark Perna

Il desiderio di viaggiare, di andare lontano, di scoprire e capire nuove culture, altre terre, è un sentimento insito nell’uomo fin da tempi remoti. Ognuno di noi, se potesse partirebbe per una avventura emozionante anche se per raggiungere la meta desiderata bisogna fare molte ore di viaggio. Certo con l’avvento dell’aviazione civile, i viaggi non sono certo lunghi come una volta, quando solo pochi temerari erano disposti ad affrontare le insidie del viaggio per giorni, mesi o addirittura anni. Adesso sembra quasi assurdo che per raggiungere gli Stati Uniti, al tempo di Colombo, fossero necessarie intere settimane di dura e faticosa navigazione, oggi con poco più di sette ore si può arrivare a New York comodamente seduti nella poltrona di un confortevole e modernissimo aereo.

Questa comodità è il risultato di un progresso tecnologico sempre più avanzato e strabiliante che ha reso gli spostamenti da un continente all’altro un’attività consueta dell’uomo moderno. I disagi e le rinunce che dovevano sopportare i viaggiatori avventurieri di un tempo non hanno nulla a che vedere con quei piccoli disturbi che possono insorgere durante i viaggi a lungo tratto, specialmente quando i fusi orari dalla città di partenza a quella d’arrivo sono particolarmente rilevanti.

Comunemente questi sintomi vengono riassunti nella parola inglese jet lag , che potremmo tradurre come sindrome del viaggiatore . Si tratta di una serie di fastidiosi ma passeggeri disturbi, legati alla differenza di fuso orario che costringe il nostro organismo a modificare le nostre abitudini quotidiane, dai ritmi di sonno-sveglia all’alimentazione. La diversità d’orario modifica quindi i nostri bioritmi che prima erano regolati sull’orologio della nostra città e che adesso vengono completamente cambiati: si dorme quando prima mangiavamo, ci si alza quando prima eravamo nel modo dei sogni. I fastidi più consueti sono dovuti ad una sensazione …

Gli Incontri All’expo ’98

Le celebrazioni dell’Expo ’98 di Lisbona sono state introdotte dal Festival dos Cem Dias, un ampio programma di appuntamenti quotidiani dedicati a teatro, danza, musica, mostre.

Spettacoli e incontri culturali saranno ancora più intensi nei giorni d’apertura ufficiale della manifestazione: ogni nazione partecipante ha infatti numerose proposte destinate a presentare alcuni dei propri migliori artisti.

Accanto a questi momenti, che per diversi mesi faranno di Lisbona la capitale mondiale dello spettacolo di qualità, il Portogallo ospiterà – in occasione dell’Expo ’98 – anche un programma di conferenze internazionali, congressi scientifici e simposi che raccoglieranno scienziati, uomini politici, operatori professionali e responsabili istituzionali da tutti i paesi del mondo per confrontarsi, discutere e decidere – lungo il filo del tema conduttore scelto dall’Expo “Gli Oceani, un Patrimonio per il Futuro” – sulla situazione attuale e sul destino delle risorse marittime planetarie.

Alcuni incontri avranno luogo in diverse località portoghesi (Algarve, Porto, Coimbra), ma la maggior parte saranno ospitati a Lisbona, nell’area dell’Expo ’98. Accolti dal nuovo grandioso Oceanarium – il più grande acquario d’Europa con oltre 25.000 esemplari di 300 specie della fauna e della flora oceanica – relatori e congressisti presenteranno i più aggiornati risultati della ricerca scientifica, le più recenti intese a carattere economico e gli accordi internazionali sugli Oceani e le acque internazionali.

Con l’inaugurazione dell’Expo a giugno, si susseguiranno gli incontri. Dal 1º al 3 giugno, si svolgerà la 15ª Conferenza Internazionale sull’Architettura Naturale.

Dal 7 al 9 giugno, l’Associazione Internazionale Permanente dei Congressi di Navigazione ha convocato a Lisbona la Conferenza Internazionale sul recupero delle coste.

Dal 15 al 17 giugno, l’Università di Coimbra ospiterà il Simposio “Le Frontiere della Scienza”.

Dal 16 al 20 giugno, avrà luogo a Lisbona la XXVI Assemblea Generale delle Regioni Periferiche Marittime d’Europa.

Dal 21 giugno al 1 luglio, si …